martedì 12 novembre 2013

Ken park e Kids di Larry Clark

Larry Clark se volete vedere i suoi film vi avverto subito, a vostro rischio e pericolo, si perchè i primi film sono scritti con quel matto - in senso buono - di Harmony Korine, di cui ne ho parlato in un articolo speciale, tempo fa.
Io ho visto Ken Park prima e Kids  dopo qualche giorno.
Il primo è una bomba, un pugno nello stomaco che ti sconvolge, facendoti chiedere  se questa è la vita vera, o siamo all'inferno il secondo esalta il vuoto di una generazione, il cui unico scopo nella vita è scopare e basta, farsi più persone possibili, tutto il resto non conta.
Il fatto è che intorno a questo vuoto assoluto sono costruiti questi due film Ken Park è ambientato in uno squallido quartiere senza religione, dove i protagonisti sembrano vivere al di là del tempo, come se non ci fosse futuro, la fine anche se la scena di sesso è molto esplicità è liberatoria, perchè è come se spazzasse via tutto il lerciume raccontato nel film, e per lerciume intendo un ragazzino che uccide i nonni dopo essersi fatto una asfissia autoerotica, un altro che si fa la fidanzata e la sua mamma, una ragazza che viene scoperta dal padre durante un rapporto sessuale con un ragazzo e questi viene picchiato e cacciato di casa, mentre la ragazza è costretta a compiere un rituale matrimoniale incestuoso, perchè il padre la crede la reincarnazione della moglie defunta, e Ken Park? Ken Park è il ragazzino che dopo aver raggiunto la pista da skeightboard si spara un colpo sulla tempia all'inizio del film, le persone che vediamo sono i suoi amici...

Per Kids il discorso è diverso, meno disturbante di Ken Park, ma va dritto al punto, il film racconta della generazione dei teenagers negli anni novanta, è incredibile che un film del genere sia vietato ai minori di 18 anni quando il cast del film è prevalentemente minorenne, all'epoca neppure loro potevano vedere il film, eppure gli argomenti presi riguardano loro, i ragazzini alle prese con una sessualità fin troppo libera, senza il controllo degli adulti, fancazzisti passano il loro tempo a raccontarsi di essersi fatta questa o quella ragazza, magari fumando una canna e cazzeggiando in giro, il loro rapporto con il sesso è liberatorio ma allo stesso tempo sfuggente, e fin troppo fiducioso, infatti una di loro finirà sieropositiva dopo averlo fatto per la prima volta, e la cosa che colpisce maggiormente è il fatto che non si rendono conto dei pericoli di malattie infettive, anche perchè non ci sono adulti che parlano con loro, e gli spiegano cosa può succedere se si hanno rapporti non protetti.
Dietro questi due grandi film c'è la mente geniale di Harmony Korine vera e propria icona del cinema indipendente, apprezzato da Gus Van Sant che per altro è produttore esecutivo di Kids, e da Werner Herzog, presente in alcune sue  pellicole in veste di attore.
Che dire, DA VEDERE sicuramente, secondo me sconvolgeranno la vostra visione del mondo.

2 commenti:

  1. kids è uno dei miei supercult personali!
    e anche ken park non è niente male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già, colpiscono fino in fondo i film dell'accoppiata Clark/korine :)

      Elimina

Ciao, Benvenuto nell'antro della fabrica dei sogni, per noi ricevere un commento è sempre piacevole, ma fai in modo che sia consono con l'argomento del post per il resto buon divertimento XD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...