sabato 24 novembre 2012

Nicolas Cage, una promessa mancata?

Chi scrive questo post è una fan di Nicolas, sin dai tempi in cui l'ho scoperto con il cult movie Cuore Selvaggio, diretto da quel geniaccio di David Lynch.
All'epoca Nicolas riusciva a recitare in pellicole coraggiose, e in cult movie, in cui si presumeva una carriera d'oro. Nonostante lo zio famoso - è nipote di Francis Ford Coppola, ma ha cambiato nome per evitare di fare il mafioso al cinema, o di essere relegato in ruoli da picciotto della mala - una scelta coraggiosa, che in molte occasioni ha fatto presumere un talento seppur non eccezionale ma con le palle.
Ma qualcosa è cambiato, Nicolas si è fatto prendere la mano, e da attore coraggioso e avvolte anche fuori dagli schemi, se non adirittura fuori di testa - ma in senso buono però - si è trasformato in un manichino inespressivo, relegato a film trash, a recitare ruoli di personaggi assolutamente privi di spessore solo per gonfiare il portafoglio.
E l'arte della recitazione? Dove la mettiamo? L'oscar vinto per Via da Las Vegas, un film bellissimo per altro, dove mi ha sorpreso moltissimo gli ha fatto smettere di osare, di mettersi in esame.
Da allora ha fatto film di qualità, mischiati con pellicole action, ma bene o male erano seppur pellicole di intrattenimento guardabili e ti facevi un se non sano ma un robusto divertimento - si pensi a Face/Off o anche a Omicidio In Diretta di Brian De Palma, ma il suo film migliore è secondo me Aldilà della vita di Martin Scorsese, fino a Con Air.
Da quando Nicolas si è dato al Mainstream ha usato ogni grammo delle sue possibilità per diventare una star di Hollywood, con il risultato che diventando una star, ben presto la voglia di mettersi in esame si esaurisce, così ecco che arriva la fase discendente della sua carriera, da Fuori in 60 secondi, fino a Il prescelto, fino a Drive Angry e toccare anche Ghost Rider, ad eccezzione di pochi titoli davvero guardabili in confronto, la sua carriera non promette nulla di  eccezionale o che sia una conferma delle promesse che con i ruoli precedenti sembrava promettere.
Qui ci vorrebbe un autore con le palle che rimette sulla via giusta Cage, che gli faccia capire l'importanza della recitazione, e che salvi la sua carriera di attore, deve rendersi conto che non può più fare alla sua età film tamarri solo per far soldi.
Qui ci vorrebbe Tarantino, un autore capace di resuscitare carriere di attori  impantanate in filmetti di bassa categoria, e lui si che ha le palle per rimettere in carreggiata Nicolas Cage. Riusciremo a vederli lavorare insieme? Lo spero.

2 commenti:

  1. credo che il problema principale di cage per ora sia il fisco... finché non paga tutti i 14 milioni che deve (due anni la cifra era più o meno questa) si lancerà in qualsiasi progetto gli frutti denaro. se poi nel frattempo azzecca una parte o un film tanto di guadagnato, ma dubito che al momento gli freghi qualcosa.

    RispondiElimina
  2. peccato, è un vero peccato, a me piace moltissimo come attore :(

    RispondiElimina

Ciao, Benvenuto nell'antro della fabrica dei sogni, per noi ricevere un commento è sempre piacevole, ma fai in modo che sia consono con l'argomento del post per il resto buon divertimento XD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...