martedì 12 novembre 2013

Ken park e Kids di Larry Clark

Larry Clark se volete vedere i suoi film vi avverto subito, a vostro rischio e pericolo, si perchè i primi film sono scritti con quel matto - in senso buono - di Harmony Korine, di cui ne ho parlato in un articolo speciale, tempo fa.
Io ho visto Ken Park prima e Kids  dopo qualche giorno.
Il primo è una bomba, un pugno nello stomaco che ti sconvolge, facendoti chiedere  se questa è la vita vera, o siamo all'inferno il secondo esalta il vuoto di una generazione, il cui unico scopo nella vita è scopare e basta, farsi più persone possibili, tutto il resto non conta.
Il fatto è che intorno a questo vuoto assoluto sono costruiti questi due film Ken Park è ambientato in uno squallido quartiere senza religione, dove i protagonisti sembrano vivere al di là del tempo, come se non ci fosse futuro, la fine anche se la scena di sesso è molto esplicità è liberatoria, perchè è come se spazzasse via tutto il lerciume raccontato nel film, e per lerciume intendo un ragazzino che uccide i nonni dopo essersi fatto una asfissia autoerotica, un altro che si fa la fidanzata e la sua mamma, una ragazza che viene scoperta dal padre durante un rapporto sessuale con un ragazzo e questi viene picchiato e cacciato di casa, mentre la ragazza è costretta a compiere un rituale matrimoniale incestuoso, perchè il padre la crede la reincarnazione della moglie defunta, e Ken Park? Ken Park è il ragazzino che dopo aver raggiunto la pista da skeightboard si spara un colpo sulla tempia all'inizio del film, le persone che vediamo sono i suoi amici...

Per Kids il discorso è diverso, meno disturbante di Ken Park, ma va dritto al punto, il film racconta della generazione dei teenagers negli anni novanta, è incredibile che un film del genere sia vietato ai minori di 18 anni quando il cast del film è prevalentemente minorenne, all'epoca neppure loro potevano vedere il film, eppure gli argomenti presi riguardano loro, i ragazzini alle prese con una sessualità fin troppo libera, senza il controllo degli adulti, fancazzisti passano il loro tempo a raccontarsi di essersi fatta questa o quella ragazza, magari fumando una canna e cazzeggiando in giro, il loro rapporto con il sesso è liberatorio ma allo stesso tempo sfuggente, e fin troppo fiducioso, infatti una di loro finirà sieropositiva dopo averlo fatto per la prima volta, e la cosa che colpisce maggiormente è il fatto che non si rendono conto dei pericoli di malattie infettive, anche perchè non ci sono adulti che parlano con loro, e gli spiegano cosa può succedere se si hanno rapporti non protetti.
Dietro questi due grandi film c'è la mente geniale di Harmony Korine vera e propria icona del cinema indipendente, apprezzato da Gus Van Sant che per altro è produttore esecutivo di Kids, e da Werner Herzog, presente in alcune sue  pellicole in veste di attore.
Che dire, DA VEDERE sicuramente, secondo me sconvolgeranno la vostra visione del mondo.

giovedì 7 novembre 2013

Olga Kurilenko In Mara

Olga Kurilenko, che abbiamo apprezzato al fianco di Tom Cruise nel fantascentifico Oblivion, sarà protagonista di un thriller soprannaturale: Mara.
Il film, le cui riprese cominceranno a Maggio, racconta della sindrome del paralizzamento nel sonno denominata Sudden Unexpected Nocturnal Death Syndrome.
La Kurilenko interpreta Kate,  una detective della polizia, incaricata di indagare sulla strana morte per strangolamento di un uomo, la cui unica sospettata è la moglie, e l'unica testimone è la figlia, si scopre che a causare queste strane morti sia un demone che uccide le persone nel sonno, e Kate stessa sperimenta gli stessi sintomi paralizzanti delle altre vittime, per salvare se stessa e la bambina non deve dormire.

Ritroveremo Olga Kurilenko in Vampire Academy Blood Sisters, nel film fantascentifico Empire of the Deep e nel thriller di Roger Donaldson, November Rain

Julianne Moore gira Still Alice

Un film drammatico per Julianne Moore: Si tratta di Still Alice tratto dal romanzo della neurologa e ricercatrice di Harvard, Lisa Genova.
Le riprese inizieranno a febbraio, il film ancora è in fase di preproduzione, e racconterà la storia di Alice Howland, una donna felicemente sposata, all'apice della carriera universitaria, che improvvisamente avverte piccole amnesie, preoccupata si fa un controllo e scopre che è malata di Alzheimer, allo stato iniziale.
Alice che è sempre stata indipendente, tenta di continuare la sua vita come ha sempre fatto, ma la malattia intanto man mano che il tempo passa avanza.

Troveremo Julianne Moore nel remake di Carrie, pellicola tratta da un romanzo di Stephen King e portata precedentemente sullo schermo da Brian De Palma, il film esce il 9 Gennaio.
Poi ci sarà ad attenderla David Cronenberg con cui girerà da coprotagonista Map of The Stars

mercoledì 6 novembre 2013

Unbroken, le prime immagini dal set




Ecco le prime immagini dal film di Angelina Jolie con cui esordisce alla regia, Unbroken, che racconta la drammatica esperienza di Louis "Louie" Zamperini che è sopravvissuto per 47 giorni su una zattera, prima di essere stato imprigionato dai giapponesi e rinchiuso in un campo di prigionia durante la seconda guerra mondiale, le riprese sono iniziate il 16 ottobre, e Angelina ha cominciato a girare le scene più drammatiche del film.
Il film biografico, è tratto dal romanzo di Laura Hillenbrand, la stessa autrice di Seabisquit an american story.
Nei panni di Zamperini c'è Jack O'Connell, mentre Garrett Hendlud e John Magaro vestono i panni dei compagni di prigionia.
Il film è prodotto dalla Jolie insieme ad Matthew Baer, Erwin Scott e Clayton Townsend, mentre come direttore della fotografia c'è il premio oscar Roger Deakins.

Aaron Ekhart gira Fade Out

Nuovo ingaggio per Aaron Ekhart, si tratta del thriller Fade Out diretto da Robert Salerno, dove interpreta uno sceneggiatore che scrive una sceneggiatura incentrata su un marito  geloso della moglie, ad un certo punto si mescola realtà e finzione, tanto da fargli avere le allucinazioni su cosa è reale e cosa non lo è tanto da renderlo il principale sospettato della morte della moglie.

Il film è attualmente in pre-produzione, e le riprese inizieranno a febbraio e sulla carta si presenta come un thriller incentrato su una mente turbata, pieno di colpi di scena oltre ad essere un puzzle complicato...vedremo cosa ne uscirà.

Intanto ritroveremo Ekhart nell'action fantasy I Frankenstein, e inoltre è stato riconfermato per London Has Fallen, seguito di Olympus as Fallen, inoltre si aggiunge persino un horror per lui dove interpreterà un esorcista e il titolo è Incarnate.

Machbeth di Kenneth Branagh, nei cinema solo per un giorno il 19 novembre

Si avete capito bene, il dramma di Shakespeare, nella sua versione teatrale sarà nei cinema solo per un giorno, diretta da Kenneth Branagh, che interpreta il ruolo di Machbeth, il sovrano di scozia dalla brama di potere che inghiotterà tutti quanti fino a farlo diventare un tiranno per il suo popolo.
Tutto è incentrato su delle profezie di alcune streghe, che avvertono Machbeth del pericolo della sua brama, ma lui nonostante tutto decide di seguire il potere, e questo avrà delle ripercussioni tragiche sulle persone che ama, dalla moglie con cui è complice nella salita al potere e nel mettere in atto un piano omicida, ma le streghe hanno un asso nella manica che inchioderà machbet.

Ethan Hawke protagonista di un film di Alejandro Amenabar

Ethan Hawke è stato ingaggiato per interpretare un altro thriller, stavolta diretto da Alejandro Amenabàr, il cui titolo è Regression.
La trama ancora non si conosce, ma tra quello noto è che il film parla delle paure umane più profonde, e sembra piuttosto interessante.
L'attore di Sinister e La notte del giudizio, inizierà un progetto con Andrew Niccol per un dramma su un pilota di droni in crisi.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...